Tu sei qui

Progetti Internazionali

Versione stampabileVersione PDF

logo Contatti internazionali

Progetti internazionali e scambi con l’estero

(Coordinamento: Prof.ssa Tiziana Bertelli)

 

L'istituto adotta da anni la formula di scambio classi, partecipando anche ai programmi promossi e cofinanziati dall’Unione Europea.

Sono stati realizzati in questo ambito scambi e gemellaggi con la Grecia, con l’Austria, con la Germania, con l’Ungheria, con la Polonia, con la Francia, con la Danimarca, con la Finlandia, con la Repubblica Ceca, con i College inglesi di Croydon e Shrewsbury, con quello gallese di Ystrad Mynach e, al di fuori dell’Europa, con la Cina, e la scuola è in contatto con numerosi istituti di altre nazioni per la realizzazione di varie iniziative, non ultimi gli stage all’estero.

I progetti internazionali fanno parte integrante dell'offerta formativa e hanno una ricaduta su tutte le componenti d’Istituto, non solo su quelle direttamente coinvolte: prevedono infatti la collaborazione tra alunni, docenti, famiglie, personale amministrativo, tecnico e ausiliario, con il coinvolgimento delle realtà operanti sul territorio attraverso reti e partenariati locali e internazionali.

Le attività prevedono una pianificazione annuale di scambi e cooperazioni con Istituti di paesi appartenenti all'Unione Europea e non, di confronto di metodologie didattiche e professionali, di mobilità di docenti, di potenziamento delle lingue comunitarie più diffuse e di approccio alle lingue comunitarie meno parlate, con l'obiettivo di:

  • promuovere l'interculturalità attraverso una conoscenza diretta dell'altro e un confronto di usi e costumi;
  • potenziare le competenze sia linguistiche che tecnico-professionali degli studenti in un contesto interculturale e interlinguistico;
  • incoraggiare la mobilità di studenti e docenti negli ambiti professionali a livello europeo;
  • favorire la capacità degli studenti di individuare analogie e differenze tra aree di cultura diversa e tra diverse tecniche operative;
  • favorire l'introduzione di lingue meno diffuse;
  • incoraggiare l'utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione.

Nel 2012 al Carnacina è stato assegnato dal MIUR il premio Label “L’Europa cambia la scuola”, a riconoscimento della qualità del percorso svolto nell’ambito dei progetti internazionali.